In evidenza

Nuraghi patrimonio dell’UNESCO

Il 31 marzo 2021 si conoscerà l’esito della richiesta avanzata dal Comitato Sardegna verso L’Unesco che, insieme al Crs4 e al Dass ha provveduto a mappare il patrimonio archeologico della Sardegna.Qualunque sia la decisione dell’Unesco, in Sardegna, malgrado alcuni Sardi (più Italioti che Sardi, avrebbe scritto il grande poeta e scrittore Cicitu Masala), si dovrà prendere atto di una verità fondamentale:in un passato, seppure remoto, siamo stati i più grandi nel mediterraneo.E’ sufficiente confrontare la maestosità e il numero dei Nuraghi, in confronto ai Talaiotdelle Baleari, alle Torri corsicane e ai Sesi di Pantelleria, per convincersene.Alberto Maria Centurione S.J., nel 1886, nel suo interessante lavoro letterario “Sopra i Nuraghi” parlava di capolavoro del genio umano, mettendo in evidenza la struttura, la moltitudinee la posizione dei Nuraghi.Sulla struttura, il padre gesuita, evidenzia l’oculata scelta del terreno e della base di appoggio dei Nuraghi.Non bisogna essere necessariamente degli architetti o degli archeologi provetti, per capire la grandezza delle costruzioni dei nostri avi<<<. Basta considerare che esse, dopo tremila e passa anni, svettano ancora slanciate e maestose, mantenendo l’originaria solidità e la perfezione delle forme e delle misure geometriche.Rileva il chiaro Autore nella sua mirabile opera letteraria che sbagliano coloro che attribuiscono le numerose costruzioni, addirittura a differenti popoli; si tratta semplicemente di una normale evoluzione delle capacità costruttive dei Sardi Nuragici, affinatesi con il passare dei secoli.Sull’utilizzo dei Nuraghi, l’Autore del tardo ottocento appare assai più aperto di certi studiosi dei giorni nostri.Egli giunge con convincenti considerazioni a conciliare la funzione sacra con quella difesa, semplicemente osservando che in opgni tempo e in ogni luogo, i templi hanno avuto anche la funzione di difesa contro le avverse incursioni.Io, nel mio piccolo, nel mio romanzo “I Thirsenoisin” , ho cercato di evidenziare questa duplice funzione dei Nuraghi, senza però trascurare la presenza dei pozzi sacri, veri e propri templi del culto delle acque e degli astri.Leggi brani del romanzo attraverso il link https://albixpoeti.blogspot.com/…/10/i-thirsenoisin-5.htmlLa foto ritrae il nuraghe Sa domu e s’orku di Domusnovas

The real story of Patrick Winningoes-5

https://www.amazon.it/real-story-Patrick-Winningoes-Salvatore-ebook/dp/B0B244SFNQ/

Chapter 5


While I was trying to go further in what the man had told of his personal story he took back with sad voice to tell his tale.

«I apologize for talking in a such confused mess. Before continuing telling you of my son it would be better to resume what happened first. At the age of twenty one, after a long journey and appropriate studies, I started some peculiar experiments on the human brain. I felt that I had to create a super brain in order to be reproduced and form a race of super-men able to drive on the right direction this dreg of humanity that inhabits the world. After all I had to consider that the brain of every living being contains, even though modified by the evolution, the original matrix of our existence.


After some rough attempts of surgical engineering, that occupied me for different years, whose initial success and following disappointed bitterness, almost led me to abandon the whole project, it was the fate to intervene and to point out the right way to me.

Which kind of proof would I more need to wait for? The same celestial stars directly showed me the way!


A beautiful day, in fact, while I was observing under the microscope a cat’s brain, ulterior, fortunate guinea-pig, subtracted to the deprivations of its life for the glory of the Science, an amazing account happened to me.

I had set the small feline’s organ in a cylindrical open neck test-tube and I was continuously thinking about it, looking as usual for a sprout of understanding on its complex and mysterious composition. At a certain point, needing something to eat, I went upstairs. I left unwillingly open the microscope’s focus. I was going to have a cup of tea, with my daily survival meal.

As I returned downstairs I immediately noticed that something strange had happened during my brief absence.  In the test-tube the brain of the cat had dried, acquiring a grey and pale color.

I extracted it with the pliers: it seemed a dry sponge without neither weight nor smell. What devil had it happened?  It was a gust of wind which answered to me.


In that underground where I secretly developed my experiments, I had not left but a small window, that I wanted surfaced to the level of the ground.  It had slightly disclosed, quiet enough to allow the passage of a provident ray of sun which, intruding the optic circuit of the microscope, had poured in with all its mighty energy, dehydrating completely the object of my experiments.

But my light, initial disappointment had soon to be transformed in high exultation, when I closer observed the test-tube that had served like furnace to that unforeseen experiment. On its fund rested some drops of a dense and glimmering liquid! I had a lightning, an intuition that afterwards had to be exactly revealed.


Admirably exact, my friends! I had found the way to extract from the muscle that includes our life, from the brain that contains all the knowledge of a human being, its own essence. An extract, a summary, that is the same, but free from the physical brain’s encumbrance, from the grey mash that comprises it. Free from the flesh as a soul is free from his body as an idea from his thinker as a thought from his action!

As you certainly know all our mental energy springs by a simple chemical reaction that is continuously produced in our brain. Such reaction, that the physicians define with the name of “synapse”, is originated by the reaction between the liquid whose any  brain is imbued and the cells it copiously contains. In practice this liquid, that has equal molecular structure in every man, works as a tracing detector of the cerebral process, whose action is, instead, what countersigns a man from another.

The intimate reasons for such different action of the cerebral processing, have seen divided for a long time the humanity. Manhood has however been until now incapable to intend the true reason for the difference of the beings of its species.  A human being, from the scientific point of view, it is only a product of a casual connection of the basically chemical mixtures that are contained in the cells. And all its activity is coordinated by the cerebral cells.

To succeed on obtaining a distillate of those cells, meant therefore to dispose of a substance of inestimable value.

At the beginning I thought to try his reproduction, but actually this would have been only an interesting and suggestive detour from my principal aim.

In order to reach it I had to gather all my efforts, and the results of that first experiments constituted the base of my following job.

First of all it was clear that the cerebral muscle, under particular conditions of temperature and environment, like those which took accidentally place that prophetic day in my laboratory, released a particular, liquid and dense substance, containing the fundamental geniuses, that I call primaries; those which are responsible of the most intimate and proper characters of the race.

It was also evident that such substance appeared able to be moved into another brain, creating there a new habitat in which to regenerate its cells and with them repurchase its functions and its aboriginal characters.


I verified more times the exactness of these hypotheses, but only in a direction, that I define evolutionary. The experiment only succeeded if the essence of a superior animal, in the steps of the evolutionary chain, was introduced in the brain of an inferior animal, while in the other way down, the phenomenon took place in a lesser and very attenuated tone deprived of significant consequence.

I baptized the liquid essence ‘nouchefalon ‘, and I prepared hence myself to develop in the foreseen direction my experiments.  What would it happen if I transfused some ‘human nouchefalon ‘ in to the brain of another man?”

The real story of Patrick Winningoes-4

https://www.amazon.it/real-story-Patrick-Winningoes-Salvatore-ebook/dp/B0B244SFNQ/

During the war I had the opportunity to deeply analyze the causes of those disastrous events. I had been, it is true, in the years immediately preceding the war completely devoted to my studies, in a way that I could call purely scientific of the phenomena which stand at the base of the human life, but it was not certainly in the fore coming years of war that we had to seek its reasons and inmost causes. The roots of hate and evil sank their extreme appendixes in the most tangled and lavish meanders of human mind. These deleterious feelings, so inherent to human mind, were to be conceived like the principal causes of that huge bath of blood.

From this premise I puzzled out that the basic beliefs of the national socialist philosophy were correct: the humanity, in order to be saved, needed a superior race to be raised over the others for leading them to salvation. But German race could not certainly be the chosen one. Not even any other among the existing races could be that, because it had to be a race who didn’t know, in their hearts but goodness and love.

With a greater fury than before, I addressed all my energies against the hateful enemy: I challenged death ten, hundred, thousands of times, always defeating the adversary.

Little by little, I started perceiving what role it was reserved to me in the history of the world and the contours of my destiny assumed more and more its clean and precise outline.”

While pronouncing his last words Mr Winningoes, who had gradually been increasing his excitement during the narration, lifted up the right hand, tensing his forefinger as an accuser, and his eyes rotated a couple of times halting eventually in an insane expression of craziness depicted on his face. He remained for indefinite time with the lift forefinger, staring into space, with his muscles tended as if they had wanted to get out of standing. He seemed a statue of marble, immortalized in a grotesque pose. This sudden explosion of apparent madness came unexpected. Before we had the time to interact, however, the man seemed to recover himself. He looked around, lost and embarrassed and, grabbed a glass of water, voided all of it in a hit. The water seemed to calm the man. His eyes showed now a serene light and he looked like being almost absent, lost in his thoughts or perhaps looking for recomposing the interrupted line of his story. He pulled the refreshments trolley and picked up a carafe filled with a golden colored liquid.

Have a drink, please. It is cognac from Charente, one of the few things that I appreciate of French people.”

This way saying he poured some of that liquid in a short, carved wine glass, explaining us that a cognac, to be really good, has to leave, if slightly rotated, a thin layer of color inside the glass.

As soon as I had drunk, I immediately felt a comforting warmth. On the warm’s alcohol wave I thought that that man surely knew so much indeed about life. His theories, nevertheless, yet quiet abstruse to me, showed however a sort of suggestive charm.

I imagined my brain imploding together with George’s, melting with it and flying, as a winged rocket, in the endless universe.

The real story of Patrick Winningoes-3

https://www.amazon.it/real-story-Patrick-Winningoes-Salvatore-ebook/dp/B0B244SFNQ/

Chapter 3

My remembering was interrupted by Mr Winningoes’s discreet touch at the door. The man entered holding a tray in a hand on which there were a stumpy teapot in porcelain and three handless cups, decorated with Chinese ideograms.



– «I apologize for leaving you alone for such a long time »–he said happily–«but to make tea is a very serious matter, that requires time and skill. Help yourselves please».


I filled with a lot of attention the three cups. George, taking one on his hand, gazed its outside and the inside for a long time. He seemed particularly interested at the small yellowish petals that floated on the surface.



«They are jasmine’s flowers »–Mr Winningoes prevented him–«I get this tea directly from China. It is delicious, isn’t it?» –he added turning to me, while  I was trying   to sip it slowly, in order not to burn me.


“Yes, certain. It is very tasteful ‘. Does the Chinese cuisine also like you? “–I returned him on my time.
«Oh, yes, indeed so much!» –he answered with a light flash on his face–«I remember when my son Adam was still alive.»


But suddenly we saw that flash of light illuminating his face transformed in a dark and sad countenance.



«My son Adam…»– he echoed bitterly himself, with a smile of self-pity on the pale lips.

We observed a respectful silence for the pain of that man who appeared at times a proud lion, full of projects for his future, to become instead afterward, a man tired of striving, bend by disgraces and by the time.


I wished I had mastered a better English to show him my solidarity and tell him that I didn’t even know he had had some children, not even he had gotten married, forming a proper family; apart, of course, his father and mother, whom he had spoken of to us for long time throughout his story.

But who was really that strange man? Was it enough, to know him well, what he had told us himself rightly in that same day? I made an effort to collect my ideas recalling the story in his own words.

The real story of Patrick Winningoes-2

https://www.amazon.it/real-story-Patrick-Winningoes-Salvatore-ebook/dp/B0B244SFNQ/

Chapter 2

In order to relax I recalled the preceding events, starting from the moment I had firstly met my friend George.

I   had known him early in the summer 1979, in a little snack bar of the centre, in the beginning of my London stay. A snack-cafe not so far from Piccadilly Circus, where they made a slightly drinkable coffee. I used to go there, because it was the only place where the coffee was served in the small, classical, Italian cups, and even if it was served with no cream, was still better than that watered black soap that almost all barmen sell off for coffee in England.


The bar was housed in a large rectangular room. On the right of the entry there was the counter with the coffee-machine, while both on the left and the opposite wall, in front of   the entry-door, there was a wood bench, lined in plastics of brown color, and, straight above, lined in the identical way, a same long but narrower shelf, plenty of sugar-bowls and ashtrays.


The left wall, for the whole length of the bench, beginning from the shelf and finishing to the originally white-painted ceiling, was made of a thick transparent glass that, giving brightness to the place, allowed the visitors to enjoy a wide outside sight where, just in front, it was well visible the entrance of a theatre with an ample and luxurious atrium.


It was there that George seemed to stare up his look, over the round glasses (like John Lennon’s, I had thought). His olive complexion, the chestnut hair and the black moustaches didn’t make him certainly look like a probable Queen’s subject, but I questioned him, this not less, in English.  Also because, after all we were in London. What other idiom was I supposed to speak?


He burst into laughter, hearing my question. Not immediately, but after turning his head to look at me, with a funny expression on his face, while with my hands I repeated my request for fire, rubbing, at the same time, my right forefinger on the palm of the left hand.


Lighting his own cigarette, as I stood close and steady, much more interdict than angry, because of his crazy laughing, he told me in a strongly stressed, though smooth, Italian language:


– «Sorry for laughing, but Italian people do make notice of them, when they speak English. You come from Rome, don’t you -, he suddenly added, smiling with satisfaction to my sad, affirmative answer.


The place, beside the two of us and a girl sitting on the other side of the bench, was empty. The barkeeper, behind the counter, was preparing a great copy of sandwiches, with cheese and tomatoes, lettuce and meats and a few others with all four ingredients together, according to the best English taste.


– «And you, where do you come from – I asked him in some annoyed tone for that reference to the Italian’s accent and particularly to that of the Romans, whose noble descendants I am still proud to belong.


-« I am not Italian» – he answered to me with peaceful voice «but I have lived quite a lot of years in Italy. So I know your customs quite well, and also your accent» -, concluded laughing again tastefully.


This time his laughing, however, didn’t upset me at all. Those few words had been enough to make my anger fade away; or maybe I was just only glad to talk to someone without squeezing my brain to translate my thoughts from Italian into English language.

The real story of Patrick Winningoes-1

https://www.amazon.it/real-story-Patrick-Winningoes-Salvatore-ebook/dp/B0B244SFNQ/

Chapter 1

«I will soon be back, make yourselves at home, please» – the man said going out. We looked at each other, George and I. It had only been from the morning that we didn’t have a chance to stay alone, however I swear that it seemed to me as it was an eternity.



He spoke for the first . -«That’s a real story of madness! »– he burst out taking a seat in one of the four wood armchairs that were around a circular table in the center of the small room–«This man must be crazy ! Let’s put him off as soon as is back and let’s escape from here, until we are in time»–he added while I was taking a seat in front of him.



-«Just a moment, George, may be it will seem strange to you, but I don’t feel afraid of this man! He inspires a sort of trust on me, despite his strangeness.»



-«But do you realize what are you talking about? Have you gone out of sense too? This man must have some extraordinary powers: hasn’t he hypnotized us just slightly before? Have you also heard him talk of super-races and brain’s experiments  or have I dreamed of it?»–George attacked me nervously.



-«Be quiet, please, George» – I told him in a calm voice. –«First of all, I don’t believe he has hypnotized us, just before. Secondly, if he is really so powerful as you say, what could be his reaction, when we try to immobilize him? Make a point on it:  when we arrived here, we were both sleepy. Therefore if he  wanted to use us as guinea-pigs, two punctures were enough for him to knock us down!  On the other hand I have not still seen nor cats that resemble to mice, neither men with a square brain! Who can be sure that the old man is not inventing everything? It would not surprise me if this story derived from the imagination of some fantastical writer. I want to go to the end of all these circumstances. Don’t  you also want to know what kind of job’s proposal Mr Winningoes is going to make us?»


George gazed for a long time in to my eyes, thoughtfully. Then, without answering, he relaxed on the back of the chair, releasing the muscles and breathing deeply.


He stood with half open  eyes crossing at once the feet and the hands softly on the womb,  with the right hand covering the palm of the left one. He seemed to me almost slept, while only the breath animated his body.


Won by all those unexpected and subsequent emotions, I also imitated him doing my best on sitting comfort on the wood ancient chair.

Un’indagine al di là di ogni evidente apparenza-51

Capitolo Quindicesimo

Santiago De Candia si preparò per ospitare a cena la sua amica Luisa. E come ogni sabato mattina, si recò per gli acquisti al mercato di San Benedetto. Per cambiare decise di optare per le melanzane ripiene di pasta. Il sabato precedente aveva cucinato la pasta coi fagiolini che lui conosceva nella doppia versione.  Quella sarda, spaghetti cotti nell’acqua salata dei fagiolini lessi, olio extra vergine, due spicchi d’aglio e pecorino grattugiato e quella pugliese, che prevedeva invece la preparazione di un sugo di pomodoro dove i fagiolini, dopo cinque minuti di lessatura, andavano a finire di cuocere per altri quindici minuti, prima di diventare il giusto condimento di una pasta corta, a scelta.

Anche le melanzane ripiene costituivano un altro tipico piatto della sua famiglia, che aveva visti divisi i suoi genitori.  Nella versione sarda, sua madre riempiva le melanzane, tagliate a metà in verticale e svuotate della polpa interna, con un ripieno fatto di carne macinata di bovino, uova, pangrattato, aglio, sale e la polpa delle stesse melanzane, macinata a dovere. Nella versione pugliese, prediletta e proposta da suo padre, in alternativa, i gusci delle melanzane, dopo essere svuotati della polpa interna, andavano scottati in acqua bollente per cinque minuti.  Poi occorreva tagliare a cubetti la polpa delle melanzane ed aggiungerla al sugo di pomodoro, portandolo a cottura dopo averlo salato a dovere.  A parte andava poi cotta la pasta corta, tipo i sedanini o i tortiglioni. Scolata al dente e aggiunta al sugo insieme al parmigiano grattugiato, amalgamando il tutto.  Le melanzane, farcite con il ripieno, andavano poi sistemate in una teglia e cotte in forno caldo a 200 gradi per circa venti minuti.

La scelta dell’opzione pugliese, rispetto a quella sarda (forse più sostanziosa e completa come piatto unico), aveva consentito al commissario di prevedere nel menù dedicato alla sua ospite, un secondo a base di cozze e arselle (che aveva visto particolarmente fresche e invitanti nei banchi del mercato dei suoi fidati e conosciuti fornitori settimanali). Sulla tavola non sarebbero mancate le verdure e la frutta di stagione e nel frigo già stazionavano alcune bottiglie del suo vermentino preferito.

La sua ospite arrivò puntualissima.  Elegante e bellissima. Appena slacciò la cintura dell’impermeabile color beige, Santiago De Candia ammirò sulla camicetta bianca un ciondolo di rubino, la pietra preferita di Luisa.  Un paio di mocassini sportivi e pantaloni a sigaretta color marsala, completavano l’abbigliamento della sua amica.

https://deimerangoli.it/shop/evidenti-apparenze/

Un’indagine al di là di ogni evidente apparenza-50

«Ci sono due cose, tra le tante, che non mi quadrano! Le prime che mi vengono in mente» disse il commissario ridendo, ma cercando di non farsene accorgere troppo, per riportare la riunione su binari più consoni, distraendo i due collaboratori da una sequela di battute salaci e di ripicche.

«E quali sono commissario?» chiese il sovrintendente, che già si era pentito di aver ricordato al suo collega la sua mania per le massime latine, che lui detestava con convinzione.

«Come mai Andrea Picciau non ha distrutto il testamento che lo escludeva dall’eredità?»

«Eh, già! Perché?» si chiese a sua volta l’ispettore, passando la patata bollente al collega Farci.

«Magari non ha fatto in tempo…» disse il sovrintendente per levarsi d’impiccio.

«E la seconda cosa, commissario?» chiese l’ispettore con curiosità.

«Cosa ci faceva una siringa con il fluoracetato  di sodio?» lanciò il commissario, assecondando la tenzone che sembrava essersi sviluppata tra i suoi due collaboratori.

«Non è che quella roba serviva per tagliare dell’eroina purissima che il Picciau magari voleva acquistare in seguito?» azzardò il sovrintendente rivolto al commissario.

«Che possa servire per tagliare la roba, ci può stare!» ammise il commissario che era il più esperto dei tre in materia di sostanze stupefacenti. «Ma non mi convince il fatto che un tossicodipendente possa somministrarsi della roba tagliata, anziché quella pura.»

«Già! Non ci avevo pensato…» ammise il sovrintendente, che di fronte al suo capo era sempre pronto a fare un passo indietro.

«Be’, pensiamoci un po’ tutti. Magari ci sentiamo lunedì, prima di andare a Palazzo, per un consulto volante» propose il commissario. «Se non c’è altro…» aggiunse poi in tono conclusivo.

«Che ne sarà stato del libretto postale e della tessera bancomat, commissario?» chiese l’ispettore Zuddas.

«Mi risultano bloccate» rispose il commissario «ma è probabile che il nostro uomo non lo sappia e ce l’abbia con sé, sperando di poterli utilizzare a suo vantaggio»

Nessuno ebbe altro da aggiungere e i tre colleghi del nucleo del Team della Sezione Omicidi si ritrovò al bar per l’aperitivo di rito. Si aggiornarono al lunedì successivo, augurandosi reciprocamente una buona fine settimana.

Il commissario De Candia pensò che il suo sarebbe stato meno malinconico e solitario delle altre volte e questo lo riempì di una gioia silenziosa che tenne per sé.

Il suo carattere riservato e il rispetto per la sua amica glielo imponevano. Né i suoi collaboratori avrebbero mai osato sconfinare nella sua vita privata,  che sapevano avvolta nel dolore per la grave perdita che lo aveva colpito poco più di  cinque anni prima.

Anzi, proprio questo grave lutto, aveva talvolta spinto i suoi collaboratori ad avanzare degli inviti conviviali che il commissario De Candia aveva sempre garbatamente rifiutato.

E così avevano smesso di farli. Ma la  loro stima reciproca e il loro affetto non era per questo venuto meno. Anzi, forse proprio per questo era cresciuto e resisteva nel tempo.

Pensando a cosa avrebbe cucinato per la sua amica il giorno seguente il commissario, dopo essere tornato in ufficio a sistemare i fascicoli a riprendersi i giornali riposti nel cassetto della sua scrivania e non senza prima aver chiuso bene i fascicoli nell’armadio di sicurezza,  si avviò verso casa sua.

https://deimerangoli.it/shop/evidenti-apparenze/

Un’indagine al di là di ogni evidente apparenza-49

Capitolo Quattordicesimo

Alla   riunione del venerdì il commissario De Candia, come sempre, lasciò in fondo alla lista degli omicidi ancora in fase di indagine, il fascicolo dell’assassinio di via Giudicessa Adelasia. Informò i suoi collaboratori sulla svolta che avevano preso le indagini in seguito al ritrovamento presso la casa di Andrea Picciau di parte del materiale asportato dalla cassaforte della vittima, compreso il testamento che lo escludeva dall’eredità della zia.

«Ci manca però la ciliegina sulla torta: assicurare l’assassino alla giustizia!» disse il sovrintendente Farci.

«Stamattina mi hanno restituito da Carbonia il verbale di acquisizione delle prove firmato da Maria Grazia Picciau. Lunedì andrò a parlare con il procuratore capo: stavolta non potrà negarci il mandato di cattura e vedrai che con quello, lo prenderemo, ovunque egli sia!»

«A proposito!» esclamò l’ispettore Zuddas «E’ arrivata un’informativa riservata da Olbia: a un ricettatore è stato proposto, da uno sconosciuto che corrisponde alla descrizione che noi abbiamo di Andrea Picciau, l’acquisto dei gioielli della lista che io ho mandato in giro nelle città più importanti dell’isola; il ricettatore ha riconosciuto i gioielli e ha guadagnato del tempo senza insospettire l’offerente; e ha provveduto ad informare la polizia!»

«Quindi il nostro uomo si trova ad Olbia?» chiese il sovrintendente rivolto al commissario.

«Ah, dimenticavo di dirvi che il nostro uomo si è presentato dal ricettatore con una donna, sostenendo che i gioielli fossero i suoi…» intervenne l’ispettore Zuddas.

«Per me quello sta cercando di procurarsi i soldi per spiccare il volo con quella sua complice! Che ne pensa lei commissario?» ribatte il sovrintendente Farci.

«Quelli come lui, nella scala dei bisogni, hanno al primo posto la droga!» sostenne l’ispettore con foga!

«A proposito!» intervenne il commissario rivolto al sovrintendente Farci, frugando nel fascicolo. «Ti ricordi quell’involucro che ti ho affidato per il Servizio di Polizia Scientifica? È arrivato il referto delle analisi!»

Il sovrintendente prese il foglio che il commissario gli porgeva.

«Fluoracetato di sodio? Ma è uno scherzo?» esclamò il sovrintendente porgendo il foglio all’ispettore Zuddas che glielo sollecitava.

«Quelli della Scientifica non scherzano mai!» disse il commissario con un sorriso.

«Fluoracetato di sodio…Che roba è?» chiese l’ispettore restituendo il foglio al commissario, che lo ripose nel fascicolo.

«E’ un topicida; ma viene utilizzato anche nei fertilizzanti!» rispose il commissario De Candia, che dopo aver letto il referto aveva preso le sue informazioni.

«Sto cercando di ricordare qualcosa… ma non mi viene in mente…» disse l’ispettore stringendo gli occhi nello sforzo di farsi tornare alla mente qualcosa.

«Dì qualcosa in latino, tanto per cambiare!» disse il sovrintendente in tono provocatorio, a mo’ di burla!

«Futue te ipsum, hircus!» disse l’ispettore, senza farselo ripetere due volte! Per lui, sentenziare in latino era un vero e proprio invito a nozze!

https://deimerangoli.it/shop/evidenti-apparenze/

Un’indagine al di là di ogni evidente apparenza-48

«No, purtroppo niente! E questo mi preoccupa. Come mai si è allontanato da casa, lasciando qui la roba?» interloquì guardando ancora l’involucro con la polvere bianca. «A meno che non sia voluto scappare per resistere a quella robaccia…» aggiunse quasi parlando tra sé.

«Sempre che questa sia davvero una sostanza stupefacente…» disse il commissario che, avendo fatto parte della sezione narcotici, aveva sviluppato una notevole capacità di riconoscere molti tipi di droga.

La ragazza parve sorpresa, ma non commentò.

«Dove può essere andato?» chiese invece al commissario.

«Chi può dirlo?» rispose il commissario. «Speriamo che almeno stia bene!»

«Mi farà sapere appena  ci sono novità?» chiese speranzosa la ragazza.

«Ci conti signorina» disse con enfasi e convinzione il commissario.«A parte che sarebbe comunque il mio dovere farlo, glielo devo anche per ringraziarla di avermi telefonato e consegnato questa busta»

«Come mai questi documenti di mia zia erano in possesso di mio fratello?» proruppe alfine la ragazza, mentre il commissario, dopo essersi alzato in piedi, aveva fatto capire di volersi accommiatare. Sembrò al commissario che quella domanda avesse tormentato la ragazza per diverso tempo.

Il commissario non volle infierire sulla povera ragazza, già visibilmente prostrata dal dispiacere e dall’angoscia per la sparizione del fratello. Lui un’idea ce l’aveva; eccome! Ma si limitò a dire:

«Chissà? Magari appena ricompare lo chiederemo direttamente a lui! Grazie ancora di avermi chiamato» disse il commissario con un sorriso, porgendole la mano.

«Grazie a lei commissario. Anche per quello che potrà fare per mio fratello!»

«Per quanto riguarda il verbale di acquisizione di questo materiale penso di mandarglielo qui, dai colleghi di Carbonia; così non dovrà venire a Cagliari e firmarlo!»

«Va bene. Grazie ancora, commissario!» disse la ragazza contraccambiando la stretta di mano del commissario. Notò che la sua stretta era salda e per la prima volta la vide sorridere; ebbe l’impressione che fosse una delle tante donne che si sottovalutano, magari sommerse dai complessi o da situazioni familiari disastrose; donne potenzialmente piacevoli, che  non riuscivano a valorizzare le loro grazie nascoste. Anche lui le sorrise. Dietro le lenti gli occhi della ragazza brillarono di una strana luce; forse erano i riflessi delle lacrime a lungo versate e poi represse; e poi di nuovo versate. Trattenne ancora un po’ quella sua piccola mano fredda, nella sua mano calda, per infonderle la sua solidarietà, il suo calore umano, la sua disinteressata simpatia e il suo ringraziamento per l’onestà e il coraggio che aveva mostrato nel chiamare la polizia dopo quel suo ritrovamento che avrebbe anche potuto tenere nascosto. Infine si avviò verso l’uscita e raggiunse la sua auto.

Il commissario, dopo avere riposto la busta nella macchina, si avviò verso la strada statale 130 che lo avrebbe condotto a Iglesias, dove l’aspettava sua madre.

Magari, cambiando i nomi, le avrebbe potuto raccontare anche questa storia. A sua madre piaceva che lui le raccontasse storie del suo lavoro. Anche se lui capiva che il piacere maggiore sua madre lo trovava nella sua presenza e nella sua visita.

https://deimerangoli.it/shop/evidenti-apparenze/

Un’indagine al di là di ogni evidente apparenza-47

Adesso la voce aveva assunto un tono meno guardingo, quasi dolce.

«Ce l’ha con lei questa busta adesso?» chiese il commissario, intuendo che in quella  busta si trovava forse una svolta per le sue indagini.

«E’ a casa mia. Io sto telefonando da un bar vicino all’ufficio…»

«A che ora posso venire a casa sua per visionare insieme il contenuto della busta?» chiese il commissario.

«Io smonto alle quattordici. Ci metto un’ora scarsa a rientrare. Venga quando vuole dopo le quindici» disse la voce, come scaricandosi di un peso.

Acquisito l’indirizzo dalla viva voce della ragazza il commissario, dopo essere rientrato a casa e aver consumato un pasto veloce,  si diresse verso Carbonia. A Iglesias, per la consueta visita a sua madre,  ci sarebbe andato dopo l’incontro con Maria Grazia Picciau.

La giovane impiegata  accolse il commissario con molto garbo. Lo fece accomodare nel salottino degli ospiti. Si assentò solo pochi minuti e tornò con una capace busta bianca a sacchetto, di formato grande, quelle chiamate A3 negli uffici.

Il commissario la aprì, estraendone il contenuto e poggiandolo sul tavolino posa riviste che aveva davanti, sotto gli occhi  attenti della ragazza.

Dentro c’era una chiave da cassaforte che il commissario già conosceva; un involucro contenente una polvere bianca; una siringa ipodermica non utilizzata, provvista di tappo; alcuni atti  notarili di compravendita, un passamontagna per travisamento, un paio di guanti di pelle chiara  e una busta beige, che un tempo doveva essere sigillata, con la scritta “Per Alessandro”.

«E’ tutto quello che c’era!» disse la ragazza. «Ho paura che mio fratello abbia ripreso a farsi… sembrava si fosse disintossicato…» aggiunse in tono triste, proprio mentre il commissario riapriva l’involucro con la polvere per osservarla meglio.

«La faremo analizzare dal nostro Servizio di Polizia Scientifica» disse in tono tranquillo il commissario, richiudendo l’involucro.

«Quella l’ho trovata già aperta!» si affrettò a dire mentre il commissario prendeva  in mano la busta beige. «C’è dentro un testamento olografo. Io credo che l’abbia aperta Andrea»

Il commissario estrasse un foglio uso bollo, redatto con una grafia molto chiara, elegante e leggibile. Nominava erede universale Alessandro Pirastu, ma c’era anche un legato a favore di Angelo Pirastu e di Maria Grazia Picciau. Niente che riguardasse Andrea, se non il fatto che il testamento lo escludeva completamente da ogni beneficio.

«E di suo fratello non ha avuto più notizie?»

https://deimerangoli.it/shop/evidenti-apparenze/